Dottoressa Rosa Giovanna Pinizzotto

  Biologa nutrizionista

I miei articoli

L'autunno porta a tavola i colori

Pubblicato il 11 settembre 2017 alle 00.55
L'estate volge al termine e il nostro organismo si prepara ad affrontare l'inverno attraversando l'autunno, stagione piena di incertezze climatiche che inevitabilmente si ripercuotono sulle nostre abitudini alimentari. L'aria diventa ogni giorno più fresca e il clima più piacevole, spazzando via il calore e l'afa estiva. Per affrontare al meglio il cambio di stagione la nostra alimentazione deve essere varia e colorata per rafforzare le difese immunitarie e prevenire le prime influenze. L'Autunno ci permette di portare a tavola un arcobaleno di colori variegato. Gli alimenti che caratterizzano questa stagione hanno infatti tonalità calde che richiamano le sfumature della terra. Questi colori sono indice della presenza di vitamine e antiossidanti, che esercitano un'azione benefica sulla salute. Frutta e verdura sono certamente tra i cibi più indicati, ma è necessario consumarli rispettandone tempi di coltura e stagionalità. L'Autunno ci regala arance e mandarini, verdure a foglia larga, funghi e legumi, zucca gialla e carote. Queste ultime sono particolarmente ricche di Vitamina A e Vitamina C, amiche del sistema immunitario e importanti nella prevenzione di infezioni da parte di agenti esterni. Il loro caratteristico sapore dolciastro le rende particolarmente adatte a preparare piatti deliziosi: risotto a base di zucca gialla con foglie di prezzemolo aromatizzato al curry. Tutti noi sappiamo che la classica spremuta di arance è un concentrato di Vitamina C o acido ascorbico, che esercita un'azione protettiva sul nostro organismo, ma ricordiamoci di consumarla nel medesimo tempo in cui è stata preparata, affinché non perda le sue proprietà. Possiamo inoltre preparare un'insalata a base di arance e finocchi, condita con olio e limone, sfruttando e unendo le proprietà diuretiche e depurative di una verdura al potere curativo di un frutto. Attenzione alle castagne e ai marroni, che, con il loro colore caldo che ricorda la terra, spesso allietano il fine pasto di molti italiani. In realtà tuttavia, per il loro alto contenuto in carboidrati complessi e il loro valore nutrizionale, si prestano bene a sostituire i primi piatti o i contorni a base di patate, ma non sono adatti a essere consumati come dessert e pertanto invito a moderarne l'assunzione, soprattutto dopo un pasto già abbondante. Sfruttiamo il colore caldo delle verdure autunnali per dare gioia alla nostra tavola e aiuteremo anche il nostro umore, abituato ai soliti piatti monotoni. Con l'Arrivo dell'autunno, stagione di transizione, ci sentiremo in sintonia con le sfumature della terra e la preparazione, unita alla presentazione di pietanze che sfruttino queste meravigliose tonalità di colori, saranno un valido aiuto per il nostro completo benessere, che va dal cervello all'intestino, passando per il cuore.

Categorie: La prevenzione comincia dalla tavola

Pubblica un commento

Attenzione.

Oops, you forgot something.

Attenzione.

Le parole inserite non corrispondono al testo fornito. Riprova.

0 commenti